Quanto costa una Casa Passiva?

  • Data
    06/02/2016
  • Categoria
    Progettazione

Una delle frasi più comuni quando si parla di Passivhaus( o Casa Passiva ) che mi sento spesso rivolgere è : bella si, ma quanto costa ?

Rispondere a questa domanda comporta una serie di considerazioni da effettuare.Uno sguardo al di fuori dei confini nazionali ci aiuterà a comprendere meglio questi aspetti.

L'architetto inglese Elrond Burrell , riporta in un articolo del suo blog che i costi per la realizzazione di un edificio Passivhaus, dipendono anche dalla esperienza del progettista e dalla diffusione dei componenti ed edifici realizzati.Ed infatti alcuni costi inerenti alle componentistiche non possono non prescindere dalla loro diffusione e richiesta nel mercato locale, così come ha riportato nel 19° Convegno Internazionale delle Passivhaus Wolfgang Feist il fondatore del Passivhaus Institut.

L'arch.Sebastian Moreno Vacca ( fonteElrond Burrell ) sostiene che la scelta del modello Passivhaus come standard Nzeb per la città di Bruxelles è dovuta al fatto che non comportava costi aggiuntivi. Chris Benedict dagli USA scrive su un articolo del New York Times che gli edifici multifamigliari Passivhaus non hanno costi aggiuntivi ( fonteElrond Burrell ).


Una bella presentazione fatta a Nick Grant coordinatore del Passivhaus Trust Inglese sui costi di realizzazione delle Passivhaus cita testualmente : “Passivhaus, if you think it will cost more , it will” ( Passivhaus, se pensi che costerà di più lo sarà). Nella sua relazione infatti spiega che l'attenzione ai particolari costruttivi e la semplificazione di nodi costruttivi , permette di rendere queste costruzioni economicamente competitive con altre costruzioni concepite con altri riferimenti energetici.

Per tanto le prime considerazioni da effettuare , come avrete capito, dipendono dallo sviluppo del progetto e dalle componenti utilizzate. Più sarà ottimizzato il progetto, più economica sarà la nostra costruzione. Questo sicuramente non vuol dire realizzare un design impersonalizzato tipo cubo senza sporti, con pochi serramenti , ma significa poter agire sui nodi costruttivi cercando di utilizzare soluzioni ottimizzate sia tecnicamente che economicamente.

Realizzare una Passivhaus a costi ragionevoli , come abbiamo visto, dipende dalla abilità del progettista nell'abbinamento delle componenti al progetto tenendo sempre sotto occhio i costi.

Detto questo, la Passivhaus non ha costi di costruzione molto differenti ad altre costruzioni, in quanto il maggiore investimento nella coibentazione dell'involucro e serramenti più prestanti , viene compensato dalla drastica riduzione della parte impiantistica, che nei casi migliori si riduce al solo utilizzo della Ventilazione Meccanica abbinata eventualmente a batterie di pre o post riscaldamento.

Per cui mi domanderete sì ma i costi ?

Parlare di cifre potrebbe fuorviare in quanto il tipo di costruzione e di finiture che si intendono realizzare influenzano i costi indipendentemente dal tipo di modello energetico scelto.

Per cui ha più senso parlare di percentuali di discostamento sul costo di costruzione piuttosto che di cifre.

I riferimenti a livello nazionale ed internazionale sulla realizzazione delle Passivhaus trovano riscontro anche nella nostra esperienza costruttiva, dove i nostri monitoraggi danno una percentuale di discostamento rispetto ad un edificio nella vecchia classe B pari a circa 10%, a fronte della quale corrisponde però una sensibile riduzione dei consumi energetici ( anche del 75%),ed un deciso migliore comfort interno. Risulta possibile ridurre ulteriormente lo scostamento in fase di sviluppo.Questa percentuale corrisponde all'incirca alla voce imprevisti nei preventivi preliminari di spesa.

Vi sembra troppo?

Aggiungiamo allora che l'introduzione della normativa Nzeb, comporterà maggiori isolamenti e richiederà parametri più serveri , per tanto assottiglierà il divario sul costo di costruzione, e renderà sempre più conveniente questo modello energetico rispetto ad altri .

Servono ancora dei motivi per convincervi ? Cosa ne pensate?

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social!